Un viaggio alla ricerca di sé: esce “In a State of Altered Unconsciousness”, debut album degli Earthset

Earthset1In A State of Altered Unconsciousness”, l’esordio discografico degli Earthset. 10 brani che spaziano dall’indie al grunge, dal prog alla psichedelia passando per new wave e punk in un vortice di sensazioni volte ad esprimere un diverso “stato alterato di coscienza/incoscienza”. Genere: indie psych rock/grunge/prog/new wave/punk – Label: Seahorse Recordings – Distribuzione: Audioglobe/The Orchard

iTunes: https://itunes.apple.com/it/album/in-state-altered-unconsciousness/id1037646070 Amazon: http://www.amazon.it/State-Altered-Unconsciousness-Earthset/dp/B015KIMPVI/ref=sr_1_10?ie=UTF8&qid=1445841231&sr=8-10&keywords=earthset Streaming: https://play.spotify.com/album/1oX86xBsigB9cfNxNNpGW1?play=true&utm_source=open.spotify.com&utm_medium=open

“In a State of Altered Unconsciousness” è il disco d’esordio degli Earthset, giovane gruppo indipendente nato aBologna, in uscita per Seahorse Recordings il 26 ottobre 2015 e distribuito da Audioglobe/The Orchard. Insieme dal 2012, dopo un primo demo-ep nel 2013 e due anni trascorsi a proporre dal vivo il proprio repertorio di inediti in inglese nelle principali venues bolognesi (Freakout, Arterìa, Locomotiv, Alchemica), in parte dell’Emilia nonché al The Good Ship di Londra, la band si presenta con un concept album di dieci tracce che sfuggono a rigide classificazioni di genere: agli Earthset piace giocare con le armonie e con i suoni, arricchendo i brani di inserti noise e classicheggianti, solo apparentemente fuori contesto, per creare una dinamica ed alternativa soluzione musicale atta a sorprendere e, a volte, a “ferire” l’ascoltatore. Si spazia dall’indie rock al grunge, virando verso la psichedelia ed il progressive. Tra i principali riferimenti del gruppo possono ritrovarsi i Pink Floyd (citati nel disco come “ispiratori”), Jeff Buckley, Sonic Youth, Smashing Pumpkins e Radiohead, ma non mancano venature new wave ed una certa attitudine punk rock. Ciascun brano è volto ad esprimere un diverso “stato alterato di coscienza/incoscienza”: ora fonte di riflessione, ora via per una più matura coscienza di sé, ora momento di ricercata o sofferta solitudine, ora di straniamento sensoriale e paura. Questa continua sensazione di smarrimento e ricerca di stabilità presente nei testi trova la sua identità musicale in una sezione ritmica sempre sostenuta ed incalzante su cui si alternano, in intrecci armonici mai perfettamente consonanti, chitarre fredde e nervose a far da tappeto alla voce che “dialoga” con gli strumenti grazie a linee altrettanto articolate e mutevoli, conferendo alla produzione un’ampia varietà di registri. La musica degli Earthset è pervasa di riferimenti alla filosofia ed alla psicoanalisi, alla sociologia, alle teorie economiche, alla mitologia ed alla letteratura, racchiuse in un disco il cui senso ultimo è una disincantata descrizione dell’esistenza da una prospettiva inusuale, che non scivola mai verso un nichilismo. Perché questo è “Earthset”. Il primo singolo, accompagnato dal relativo videoclip, è “rEvolution of the Species”, uscito il 25 settembre . La band definisce il brano “una critica velata al sistema economico ed alla società contemporanea, in cui un’umanità passiva assorbe stimoli e bisogni indotti. Il tutto raccontato da un “io” che non riesce a capire se il suo disgusto è autentico o anch’esso indotto e funzionale al sistema. La risposta finale é un’esortazione alla distruzione e ricostruzione del tutto, sulla consapevolezza che ciascuno di noi vive in “stati alterati di incoscienza”, sia chi è assuefatto al sistema che il paranoico ribelle.”

“rEvolution of the Species” https://www.youtube.com/watch?v=JGSGU8S1d1E

“In a State of Altered Unconsciousness” è autoprodotto con il prezioso contributo di Carlo Marrone (già produttore per “Petali” di Gianluca Mondo e polistrumentista con, tra gli altri, My Own Parasite, Carlomargot, Murder, attualmente Soren Larsen) che ha anche suonato in alcune tracce, ed Enrico Capalbo (fonico presso lo studio Fonoprint di Bologna, e sound engineer per, tra gli altri, Arto Lindsay, Luca Carboni, Gianmaria Testa, Paolo Fresu, Ofeliadorme, Francesco Guccini, Humberto Gatica, polistrumentista attualmente Soren Larsen). L’artwork, realizzato da Mauro Belfiore, raffigura una foresta immersa nella nebbia, immagine presente nell’ultimo brano e che condensa l’aura di sospensione ed incertezza che attraversa l’intero lavoro.

Tracklist: 1. Ouverture 2. Drop 3. The Absence Theory 4. rEvolution of the Species 5. Epiphany 6. So what!? 7. Skizofonìa 8. Gone 9. A.S.T.R.A.Y. 10. Lovecraft 11. Circle Sea

Biografia: Il progetto nasce nel gennaio del 2012 dall’incontro tra Luigi Varanese (basso), Costantino Mazzoccoli (chitarra), Emanuele Orsini (batteria), ed Ezio Romano (voce e chitarra). Nel dicembre 2012 i quattro, classe 1990, realizzano un primo demo-ep registrato in collaborazione con l’associazione culturale StudioSoundLab e presentato dal vivo il 7 marzo 2013 al Freakout Club di Bologna. Nel maggio 2013 il gruppo viene selezionato per registrare un brano inedito al corso Advanced per Sound Engineer tenuto da Maurizio Biancani presso lo studio di registrazione Fonoprint, in Bologna. In questa occasione conoscono Enrico Capalbo, (fonico presso lo studio, polistrumentista e sound engineer per, tra gli altri, Arto Lindsay, Luca Carboni, Gianmaria Testa, Paolo Fresu, Ofeliadorme, Francesco Guccini, Humberto Gatica) che si interessa al giovane progetto. Gli ultimi mesi del 2013 sono dedicati alla scrittura dei brani già in elaborazione, ma non ultimati, e di ulteriore materiale inedito. Il sound si fa più netto e lo stile compositivo del gruppo, pur nella varietà ed imprevedibilità che lo contraddistingue, si rafforza ulteriormente. Il 2014 inizia all’insegna degli impegni dal vivo, tra cui spiccano il live presso il The Good Ship di Londra e la diretta radio presso la ICRadio, emittente studentesca dell’Imperial College della capitale britannica, nonché le date bolognesi presso il Freakout Club ed il Locomotiv Club (in apertura a Martin Hagfors & C+C=Maxigross). La band, contestualmente, lavora in autoproduzione al disco d’esordio. Nell’ottobre 2014 il gruppo torna negli studi Fonoprint sotto la direzione artistica e tecnica di Carlo Marrone (polistrumentista con, tra gli altri, My Own Parasite, Carlomargot, Murder) ed Enrico Capalbo, per le registrazioni del primo LP. Il disco raccoglie dieci dei brani sinora composti, tutti legati da un medesimo filo conduttore, andando a formare un concept. Il tema centrale è quello degli stati alterati di coscienza che diventano ora fonte di riflessione per raggiungere l’autoconsapevolezza, ora momenti di ricercata o sofferta solitudine ed infine di straniamento sensoriale e paura. Dal punto di vista musicale questo continuo stato di alterazione, evoluzione e dinamismo è affidato ad una scrittura strutturalmente non lineare, intrecci di chitarre caratterizzati da suoni acidi e taglienti, passaggi tra distorsioni pesanti e limpidi puliti, atmosfere psichedeliche tendenzialmente fredde e disturbate da inserti noise. L’uscita del disco è prevista il 26 ottobre per l’etichetta Seahorse Recordings.

Cliccate qui per visionare la pagina Facebook della Band Cliccate qui per visionare la pagina Twitter della Band

Guarda anche

La pianista italiana Federica Fornabaio pubblica “Unpeaceful”

Federica Fornabaio, la pianista italiana che ha conquistato Sakamoto pubblica “Unpeaceful“, il nuovo album d’inediti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *