Public Service Broadcasting annunciano un nuovo EP contenente il singolo “Sputnik”, 4 remix e l’inedito “Korolev”

Public Service BroadcastingIL DUO FUNK-INTERSTELLARE, IDEATORE DI UN CONCEPT-LIVE SENZA PRECEDENTI, ANNUNCIA L’IMMINENTE USCITA DI UN NUOVO EP! SI TORNA NELLO SPAZIO CON IL DUO FUNK-INTERSTELLARE INGLESE. L’EP IN USCITA IL 20 NOVEMBRE 2015 CONTIENE “SPUTNIK”, IL NUOVO SINGOLO TRATTO DA “THE RACE FOR SPACE”, L’ULTIMO ALBUM USCITO A FINE FEBBRAIO, I REMIXES REALIZZATI DA 4 IMPORTANTI NOMI DELLA SCENA INTERNAZIONALE E “KOROLEV”, UN BRANO INEDITO CHE CI RIPORTA NELLO SPAZIO!

Con l’album d’esordio, Inform Educate Entertain, hanno ammaliato la stampa inglese con il loro sound evocativo e futurista. Ideatori di un concept live senza precedenti, uniscono suoni analogici ad effetti digitali che, grazie all’utilizzo di apparecchiature audiovisive d’epoca, miscelano alla musica le immagini di filmati e speakerati d’epoca. The Race For Space, il secondo disco uscito il 23 febbraio 2015 ha ottenuto un successo inaspettato ovunque, raggiungendo in una sola settimana dalla sua release la #11 della UK Album Charts e vendendo oltre 60.000 copie in tutto il mondo, proclamando così il duo funk-interstellare dei Public Service Broadcasting tra le migliori realtà in circolazione. Si preannuncia un novembre ricco di novità per il duo funk-interstellare tra i più chiaccherati ed apprezzati. Durante il loro lungo tour che li portati a suonare in prestigiose location e solcare i palchi dei più importanti Festival estivi – tra cui Glastonbury e Benicassim – i Public Service Broadcasting annunciano l’uscita di Sputnik/Korolev, l’EP che contiene il singolo Sputnik, il brano più dancefloor friendly tratto da The Race For Space, 4 remix realizzati da importanti nomi del panorama electro-dance, e Korolev, un inedito carico di energia e di riff contagiosi e potenti. I remixes di Sputnik sono stati realizzati da Blond:Ish, Petar Dundov, Eagles & Butterflies e Plugger. Mentre Sputnik fu il primo satellite artificiale lanciato in orbita intorno alla Terra il 4 ottobre 1957, Korolev è invece un omaggio al più grande ingegnere e progettista di razzi sovietici, conosciuto semplicemente come il “miglior progettista”, nonchè inventore e disegnatore di Sputnik. La sua morte improvvisa nel 1966 ebbe un enorme impatto nella guerra fredda tra Russia ed America, permettendo così agli Stati Uniti di detenere il primato del primo uomo mandato sulla luna.

Il nuovo album, The Race For Space, è uscito il 23 febbraio (Test Card Recordings/Goodfellas), riscuotendo un successo inaspettato e racconta la storia della corsa nello spazio a cavallo tra gli anni 1957-1972. La doppia copertina rappresenta le vicende americane e sovietiche di quegli anni, narrate attraverso un eccentrico mix di chitarre, propulsioni elettroniche e batterie, accompagnate da speakerati d’epoca. “With our album and our music we are attempting to translate into our own voices a celebration of that period, in the process communicating something of ourselves and our faith in the technological progress of our species, and it is on those terms that I’d hope our album is judged.” – Public Service Broadcasting. Public Service Broadcasting tornano in tour a novembre per una serie di prime date in UK – a cui si aggiungeranno altri appuntamenti europei – a partire da Edinburgo (già sold-out) fino alla prestigiosa Brixton Academy a Londra, ad oggi il live più importante nella carriera della band.

Public Service Broadcasting UK TOUR: 17th November – Queens Hall, Edinburgh 18th November – University Refectory, Leeds 19th November – 02 Academy, Liverpool 20th November – Rock City, Nottingham 21st November – OPEN, Norwich 26th November – Great Hall, Cardiff 27th November –02 Guildhall, Southampton 29th November – 02 Academy Brixton, London

Cliccate qui per visionare la pagina Facebook del gruppo Cliccate qui pr collegarvi al sito web del gruppo

Guarda anche

Ricky Castelli debutta su Nervous Records con il singolo “U can feel it”

Ricky Castelli ha debuttato venerdì 23 febbraio 2018 su Nervous Records con il singolo “U …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *