Le meteore musicali

meteore-musicaliGli anglosassoni sono spesso maestri nel coniare espressioni per rendere l’idea di un preciso fenomeno o tipologia di persona. Con il termine “One-hit wonder” infatti si è voluto indicare tutti quei gruppi, ma volendo anche cantanti e cantautori, che nella loro carriera hanno raggiunto il successo con un singolo, per poi non riuscire a ripetersi più. Una fama improvvisa, grandissima che però poi spesso non si è stati capace di fronteggiare vuoi per divisioni varie, vuoi anche per capacità di fondo di talento.
Spesso anche la fortuna può giocare un ruolo fondamentale. Ecco quindi band e cantanti emeriti sconosciuti scalare tutte le classifiche anche mondiali, per poi tornare piano piano nel dimenticatoio e venire poi rispolverati in occasione di revival o magari in qualche colonna sonora di film che così riportano in auge la hit di successo. C’è da dire comunque che, se veramente di gran successo, basta anche solo una canzone a garantire una dignitosa rendita per tutta la vita. Ma vediamo un pò quali sono state le più famose e clamorose meteore musicali del panorama mondiale.



Dai Neri per Caso alle Las Ketchup
Correva l’estate del 1981 e in quell’anno non c’era un solo locale della costiera romagnola oppure un solo dj Roma che non desse in continuazione “Un’estate al mare” di Giuni Russo. Chi non conosce la canzone ma alzi la mano chi si ricorda della pur brava e bella Giuni. Rimanendo sempre nel nostro paese a San Remo del 1995 un curioso gruppo di Salerno che faceva musica a cappella irrompeva nelle radio di tutta la penisola. Erano i Neri per Caso, con la loro “Sentimento Pentimento”. Rimanendo sempre in tema sanremese come dimenticare i Jalisse con la loro “Fiumi di Parole”, che vinse anche la kermesse canora.
Andando un po’ più avanti con gli anni e allargando il nostro sguardo le simpatiche spagnole delle Las Ketchup con la loro “Asereje”, autentico tormentone che dalle spiagge italiane arrivò anche al cinema facendo da colonna sonora ad un famoso cine panettone. Prima di loro c’erano stati i canadesi dei Bran Van 3000 con la loro “Drinking in L.A. “, ed i britannici Chumbawamba con la hit “I get knocked down”. Probabilmente però, nella storia musicale mondiale, le tre migliori One-hit Wonder sono state queste. Difficile stilare una classifica ma sicuramente “Macarena” dei Los del Rio, “Take on me” degli A-Ha e “My Sharona” dei The Knack sono stati successi incredibili, che ancora oggi risuonano in ogni anno del globo, ma dei cui autori alla fine nessuno ne ha più traccia.

Guarda anche

Urban Land 2018: dal 6 al 9 settembre Roma diventa Capitale dell’Urban e Street Art

Urban Land 2018: sbarca nella capitale il festival della cultura metropolitana. L’Arte, la musica, lo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.