Tra i finalisti del Premio Tenco 2017 i Pupi di Surfaro

Pupi di Surfaro - Nemo profeta coverLa band siciliana i Pupi di Surfaro nella cinquina dei finalisti per la Targa Album in Dialetto con il loro nuovo disco dal titolo “Nemo Profeta“.



Totò Nocera – voce e percussioni, Peppe Sferrazza – basso, e Pietro Amico – batteria, sono l’anima del progetto Pupi di Surfaro nato un decennio fa spontaneamente, come i fiori di campo. Per la voglia di divertirsi, di suonare. Con la particolare intenzione di riscoprire la musica popolare siciliana e del sud Italia. Di scoprire le radici del folk
Nemo Profeta è il loro ultimo disco. Un disco di rottura, senza orpelli, che affronta l’impossibilità di trovare una verità assoluta e che condanna i falsi profeti.



Pupi di Surfaro:Difficile definire il sound del nuovo disco. Noi ci abbiamo messo tutto quello che abbiamo e tutti possono trovaci quello che vogliono. Folk/Elettro/Rock potrebbe essere, a nostro avviso, un’etichetta capace di contenere una buona percentuale di tutto quello che il disco promette di essere. Elemento centrale è il testo e l’uso della parola pregnante, originale, graffiante, ironica, spregiudicata, cattiva, dissacrante, provocatoria. L’uso del dialetto, prettamente siciliano, che però, prontamente si apre a contaminazioni della lingua italiana, ma anche inglese, americana, oppure del mandingo-senegalese (di Jali Diabate in “’Gnanzou”) e addirittura sardo-ligure (in “Ruzaju” di Andrea Parodi), si apre ad uno scenario decisamente World-Music. La parola d’ordine è: Confondere. La scommessa è: sorprendere. Il rischio è: piacere troppo all’ascoltatore superficiale e distratto“.

Guarda anche

“True Story”, nuovo singolo di Mc Fulminata

Daniela Mc Fulminata, rapper romana prodotta dal Trasformista nella Backpack Studio, pubblica il suo nuovo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *