Artisti musicali: Rocco Giordano

Rocco Giordano - Virgole cover EPRocco Giordano riceve una batteria in regalo a soli cinque anni, a nove prende già lezioni, a quattordici ruba la chitarra al fratello minore, e invertendone le corde perché mancino, comincia a suonare “per caso” questo strumento. Ma forse nulla è casuale in questa storia: Rocco Giordano cresce a contatto con la musica frequentando un negozio di dischi a Perugia, sua città natale; il negozio è di amici di famiglia che gli permettono di immergersi in quel luogo magico, per ascoltare e copiare dischi su dischi.



Ormai adolescente, di ritorno a Latina sceglie uno dei grandi amori della sua vita: l’heavy metal. Si unisce a band di metallari – a sedici anni ha il permesso di andare a vedere il suo primo “Mosters of Rock” a Norimberga – e suona in varie formazioni, tra cui i “Wilding”, alle feste dell’Unità e in diverse manifestazioni organizzate nel capoluogo pontino. A vent’anni è la volta dei “Garbages”, band di Roma, con cui va in tourneè in Finlandia, poi gli “Epoca 2000” in provincia di Crotone, gli “Alta tensione” di nuovo a Latina: in questo periodo esce il suo primo EP “Rocco e suoi fratelli”. Contemporaneamente lavora come tecnico del suono sui grandi palchi della musica leggera italiana, con artisti come Laura Pausini, Riccardo Cocciante, Umberto Tozzi, Enrico Ruggeri, ma non smette mai di studiare; è il 1995, Rocco decide di trasferirsi nella Capitale, frequentare una scuola per chitarra di matrice americana, unirsi ad un gruppo di artisti di strada: “Le mani tese”.
Passano un po’ di anni e la vita a Roma lo porta a barcamenarsi in tanti lavori diversi, che poco o nulla hanno a che fare con la musica: ma quello che è un amore non può finire. È il 2006, un grande negozio romano di musica, a fine giornata, sta chiudendo le saracinesche, lui entra e compra una chitarra “Echo” modello “Stratocaster”; ancora una volta, come da ragazzino, inverte le corde e comincia a suonarla. È l’inizio di una nuova fase, si iscrive al laboratorio di produzione musicale di Tony Carnevale e alla scuola di musica jazz “Imusic school” diretta da Angelo Schiavi; si trasferisce nel reatino, a Forano, per frequentare il corso di formazione per tecnici del suono “1,2,3, prova, ascoltare, registrare, riprodurre” dove si diploma con il massimo dei voti. Gira in lungo e largo la Sabina, si esibisce con il “Gruppo resident de La Centrale” e all’inizio del 2018 fonda insieme ad Andrea Di Michele il duo semiacustico “AndyRock’s” suonando evergreen anni 70, 80, 90 italiani ed esteri.
In questi ultimi anni ha lavorato anche scrivendo canzoni, tra queste, quattro sono contenute all’interno del suo nuovo EP “Virgole”. Quattro pezzi, apparentemente onirici ma fortemente incentrati sulla realtà, sui rapporti, sui sentimenti più intensi.



L’ALBUM DI ROCCO GIORDANO INTITOLATO “VIRGOLE”: E’ uscito il 27 febbraio 2018 “Virgole”, il nuovo EP di Rocco Giordano, in tutti gli store digitali sia in Italia che in altri venticinque paesi nel mondo, e il 9 marzo 2018 anche in supporto fisico, auto-prodotto, con contenuti extra rispetto alla versione digitale. Una solida base rock, un suono compatto e rude, atmosfere sospese, ora funkeggianti, ora hard rock: l’intero album, parole e musica, è stato scritto dal cantautore di Latina. Tracce come “Abbracciami” e “Virgole” sono ispirati dalle poesie di Gianni Manetti versi cinici, ironici, mordenti, sensuali, mai banali.
I provini del disco sono stati registrati presso i MarcoStudyos di Marco Gentili, che ha suonato il basso e alcune tastiere del disco, mentre il resto del lavoro è stato registrato al Madcap studio, con Gianfranco Tassella, fonico del Teatro dell’Opera, in veste di produttore, arrangiatore, fonico e batterista, con gli interventi chitarristici aggiuntivi e i cori di Carlo Melodia, le tastiere e i cori di Andrea di Michele, ed il basso in “Babe d’estate” di Fausto Casara. I suoni di sottofondo della versione cd sono del Sound designer toscano Matteo Bendinelli.
In programmazione il tour in cui Rocco Giordano suonerà i suoi pezzi, alternati da cover di classici Blues, di Jimi Hendrix, dei Pink Floyd.

Guarda anche

Il nuovo Concept EP della band “Blue Parrot Fishes”

La band electro rock toscana Blue Parrot Fishes torna con l’omonimo EP che mostra una …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.