12 marzo Californication @ Anima di Spresiano, Treviso. Ospite speciale Tujamo (numero 95 nella top 100 di Dj Mag)

TujamoSabato 12 marzo l’Anima di Treviso si trasforma in Californication, con un ospite più che speciale, il dj tedesco Matthias Richter, meglio noto come Tujamo. Di origine tedesca, Tujamo negli ultimi due anni è diventato uno artisti più emergenti nel panorama della musica elettronica: merito dei suoi remix per Deadmau5, Jack U, Bob Sinclar e delle sue produzioni per label quali Mixmash Records e Spinnin’ Records; basti pensare alla sua hit ‘Booty Bounce’, realizzata insieme a Tajo Cruz. La sua ascesa è soltanto agli inizi, certificata nel 2015 dal raggiungimento della posizione numero 95 nella Top 100 della rivista Dj Mag, che ogni anno determinata i cento dj migliori al mondo. Dopo la serata all’Anima, Tujamo sarà tra i protagonisti della Miami Music Week, in particolare nel party in programma al Set mercoledì 16 marzo.

Tujamo ha il raro merito di avere avuto un successo commerciale con le sue produzioni in UK, Germania e Olanda, merito al quale non tanti artisti dance possono ambire. Tujamo, vero nome Matthias Richter, ha iniziato a fare il DJ nel 2006 ma ha raggiunto il successo vincendo un concorso indetto dal Club Index a Schüttorf, dove diventa DJ resident. Ma è stato col successo della hit ‘Dr. Who’ – passata da hit della Miami Winter Music Conference nel 2012 a top-chart nel 2014 – insieme a Plastic Funk e con la voce di Sneakbo, che Tujamo è stato catapultato nella coscienza collettiva delle chart europee. Grazie a remix per artisti del calibro di Deadmau5, Jack Ü e Bob Sinclair, a uscite per Mixmash Records di Laidback Luke e per il colosso olandese Spinnin’ Records, e a collaborazione con veterani come Chris Lake, Steve Aoki e Laidback Luke, le abilità e la versatilità di Tujamo sono chiaramente molto richieste. Il Dj tedesco si sente a casa sia mettendo rap nelle big-room sia creando hit, come ‘Boneless’ con i signori Aoki e Lake. “È stato un anno assolutamente incredibile per me,” dice a DJ Mag. “Tutte le date dei miei festival estivi e degli show nei club sono state fantastiche, e i feedback alle mie produzioni erano fuori dal mondo.” ANDREW RAFTER

Qual è l’abilità più importante che un dj dovrebbe avere?Penso che la cosa più importante sia interpretare e capire la folla. Se a loro piace e a me piace, ci divertiremo un sacco!Il futuro dell’EDM è ancora luminoso?Ogni anno penso ‘Ok, siamo in cima, d’ora in poi è solo discesa. Ma la salita non si è ancora fermata, tutto diventa sempre più grande.Il fatto di essere sempre in viaggio e lo stile di vita dei dj minano la stabilità mentale?Viaggiare è super faticoso e ti porta via davvero molte energie. Allo stesso tempo comunque mi ispira tantissimo. La maggior parte delle idee mi vengono in tour.Quale causa ti sta più a cuore?Qualcosa che vorrei davvero cancellare è la guerra nel mondo e le conseguenze che porta. Vedere tutte quelle persone in fuga dai loro paesi solo perché sono ricercati a causa della religione o di qualcos’altro.Quale club vorresti far resuscitare?C’era un club fantastico in Germania, si chiamava Cocoon, a Francoforte. L’hanno chiuso prima che avessi l’opportunità di suonarci.Perché ci sono così poche donne nella Top 100 DJs?Vorrei ci fossero più donne famose dietro i piatti e in studio. Sono un grande fan di Nora En Pure, è fantastica.Cosa ne pensi dei dj che fanno uso dei ghost producer?Non sono un grande fan. Se fossi un fan di qualcuno per la sua musica e per i suoi concerti, e scoprissi dopo che non è roba sua, mi sentirei davvero molto deluso.

Guarda anche

Nasce Soundfeat.com

Soundfeat è una piattaforma dedicata alla conoscenza, alla condivisione e alla collaborazione musicale. Rete sociale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *